venerdì 30 dicembre 2016

Offida Pecorino '12 La Vite Maritata

La Vite Maritata è una piccola azienda vinicola di Ripatransone (AP), fondata nel 2008 per dare continuità alla tradizione di famiglia.
Il nome deriva dall'antico modo di coltivare la vite.
Le viti anticamente erano coltivate assecondando la loro naturale vocazione di piante rampicanti.
La vite maritata non è altro che un albero sul quale è stata fatta crescere una vite.
Questa pratica permetteva alla vite di “appoggiarsi” permanentemente a dei tutori “mariti” ed era molto diffusa nel Centro Italia fino a metà del secolo scorso, tanto da svolgere un grande ruolo nella formazione del paesaggio rurale.
Le specie più diffuse a fungere da "marito" erano l'acero, il gelso, l'olmo.
L'azienda di Gabriele Illuminati dispone di circa 3 ettari di vigneto coltivato a Passerina, Pecorino, Montepulciano, Sangiovese.
Cinque le etichette, per una produzione media annua di 25.000 bottiglie.
Abbiamo testato questo Pecorino tipico e strutturato.
Colore giallo paglierino limpido con riflessi verde oro, consistente.
Bouquet di profumi non particolarmente penetrante, contraddistinto da sentori di frutta a guscio, mimosa, camomilla, sfumato di cannella.
Al palato è maturo e sapido.
Note di tipo amaricante di frutto esotico e pompelmo, accenni vanigliati e mandorlati, erbe di campo, confezionano un quadro abbastanza sostanzioso, reso avvolgente dall'elevato tenore alcolico.
Favorevole rapporto qualità prezzo.
Il test a mio parere conferma che la tipologia trova completa espressione a distanza di qualche anno dalla vendemmia.
In abbinamento su:
trofie con zucchine e gamberetti
Offida Docg Pecorino '12 - alcool 14,5% - circa € 8.
La Vite Maritata di Gabriele Illuminati
contrada Tosciano, 63065 Ripatransone (AP).
tel. 0735 99075 - 334 3051555
email: info@lavitemaritata.it

lunedì 26 dicembre 2016

Vinitaly e Union des Grands Crus de Bordeaux, accordo quadriennale.

Dopo i postivi risultati del 2013-2016
rinnovato l'accordo strategico tra
UNION DES GRANDS CRUS DE BORDEAUX e VINITALY
Definito il calendario 2017-2020
Servizio Stampa Veronafiere                                 UGCB–Ufficio Stampa
Dopo i positivi risultati registrati nell’ultimo quadriennio, l’Union des Grands Crus de Bordeaux (UGCB) e Vinitaly hanno ribadito l’impegno di coordinare le rispettive manifestazioni al fine di consentire ai buyer e ai media di tutto il mondo di ottimizzare la loro presenza a due dei principali eventi del calendario vitivinicolo.
Francia e Italia unite nel nome del vino.
É stato rinnovato infatti l’accordo tra l'UGCB e Vinitaly per il quadriennio 2017-2020, dopo i positivi risultati ottenuti dal precedente agreement, nato per incontrare le esigenze dei protagonisti del mondo del vino, buyer e stampa internazionale in particolare.
L’accordo prevede l’armonizzazione dei rispettivi calendari, evitando qualsiasi sovrapposizione di date tra des Primeurs" di Bordeaux e il Vinitaly di Verona, due manifestazioni di prim'ordine per il settore vinicolo mondiale.
In quest'ottica, le rispettive direzioni hanno concordato i periodi di svolgimento per i prossimi quattro anni e i due eventi si svolgeranno nelle seguenti date:
                 Semaine des Primeurs a Bordeaux                      Vinitaly a Verona 

2017                         3 – 6   aprile                                                    9 – 12 aprile
2018                         9 – 12 aprile                                                   15 – 18 aprile
2019                         1 – 4   aprile                                                    7 – 10 aprile
2020                         30 marzo – 2 aprile                                      5 –  8  aprile

«Questo accordo, nato quattro anni fa, è stato ed è storicamente importante perché ha visto la Francia e l'Italia del vino superare ogni nazionalismo enologico per incontrare le esigenze dei protagonisti mondiali del vino, partendo dal profondo riconoscimento reciproco dell’importanza delle due manifestazioni, UGCB e Vinitaly hanno agito con realismo, professionalità e buon senso, in un'ottica di efficacia. Un’esperienza molto positiva anche sul piano dei risultati che per entrambe le manifestazioni si è tradotta in un crescente livello internazionale delle presenze, anche per tutte le iniziative messe in atto, che verrà riproposta per i prossimi quattro anni e può preludere anche ad altre iniziative congiunte» commentano Giovanni Mantovani, Direttore Generale di Veronafiere-Vinitaly, e Olivier Bernard, Presidente UGCB (Union des Grands Crus de Bordeaux).

Le mie degustazioni Vinitaly 2016
http://forli-igt-bianco-nobilis-15-cantina bartolini.html
http://terrazze-retiche-di-sondrio-igt-12 numero1 plozza vini.html
http://barolo-docg-09-bussia-vigna-mondoca riserva-oddero cantine.html
http://cosimo-maria-masini-wines-vivit-2016.html
http://sforzato-di-valtellina-al-vinitaly-2016.html

mercoledì 21 dicembre 2016

Corso Degustazione Birra ad Ascoli Piceno

Fermento Birra, il network dedicato alla birra di qualità, presenta ad Ascoli Piceno presso il locale “La Birretta – Beer shop” in Largo Carlo Crivelli 1, il modulo base “Conoscere la birra“: sette lezioni con l’obiettivo di fornire i fondamentali per avvicinarsi con maggiore consapevolezza alla degustazione, acquisire un lessico di base e una conoscenza generale delle principali tipologie birrarie.
Punto di forza sarà ancora una volta la squadra dei docenti, formata da esperti del settore e da alcuni birrai protagonisti del movimento artigianale, che nel corso di ciascuna lezione alterneranno alla parte teorica le indispensabili prove di assaggio (4 degustazioni guidate).
Arricchisce il corso la visita guidata ad un birrificio artigianale del territorio.
Non sono richiesti al corsista requisiti per l’iscrizione a questo modulo.
Ogni partecipante riceverà in regalo 6 bicchieri utilizzati per la degustazione oltre al materiale didattico in formato digitale.
Calendario dei corsi nella città di Ascoli Piceno
(modulo: Conoscere la Birra)
Quando:
ogni lunedì dal 27 marzo al 15 maggio 2017 dalle ore 20.30 alle 23
(tranne 17 aprile e il 1° maggio perchè giorni festivi)
Dove:
presso il locale “La Birretta – Beer shop” Largo Carlo Crivelli 1, Ascoli Piceno
(posti limitati: max 26 partecipanti)
Info:
corsi@fermentobirra.com
055.483572 (dalle 11 alle 17)

Calendario lezioni
- Lunedì 27 marzo 2017, dalle ore 20.30 alle ore 23
Introduzione alla degustazione. Aspetti preliminari la degustazione. Bicchieri, servizio e conservazione.
- Lunedì 3 aprile 2017, dalle ore 20.30 alle ore 23
Come degustare una birra. Tecniche di degustazione. Introduzione alla scheda di degustazione. Degustazione guidata.
- Lunedì 10 aprile 2017, dalle ore 20.30 alle ore 23
La scheda di degustazione. Lezione pratica di compilazione. Degustazione guidata.
- Lunedì 24 aprile 2017, dalle ore 20.30 alle ore 23
Gli ingredienti di una birra. Come si produce una birra. Degustazione guidata.
- Lunedì 8 maggio 2017 2017, dalle ore 20.30 alle ore 23
La storia della birra. Degustazione guidata.
- Lunedì 15 maggio, dalle ore 20.30 alle ore 23
Le grandi famiglie: alta fermentazione, bassa fermentazione e fermentazione spontanea. Panoramica sulle scuole tradizionali e sulle principali tipologie. Degustazione guidata.
- Domenica (data da definirsi)
Visita guidata al birrificio artigianale con degustazione finale
Modulo iscrizione corso:
http://www.corsodegustazionebirra.it/carrello/
Costo modulo: € 190 (la quota comprende materiale didattico e bicchieri da degustazione) max 26 partecipanti.

domenica 18 dicembre 2016

Isonzo Friuli Doc '12 Friulano i Ferretti collezione, Tenuta Luisa

Siamo all'interno della Doc Isonzo in Friuli Venezia Giulia.
Qui opera da circa 90 anni Tenuta Luisa, estesa su circa 130 ettari di cui 85 vitati con uve autoctone e internazionali, per una produzione media annua di 350.000 bottiglie, ripartite in quattro linee: Edmida, Luisa, Brut Millesimeè, i Ferretti.
Il nome "i Ferretti" prende spunto dal fatto che il terreno della Doc Isonzo è ricco di elementi denominati appunto "i ferretti" costituiti in gran parte da alluminio e ferro, i quali conferiscono al vino grande mineralità e lo rendono adatto all'invecchiamento.

Abbiamo testato uno dei vini di punta della linea, ottenuto da uva Friulano (ex Tocai).
Com'è noto da qualche anno non è più consentito ai viticoltori italiani in ambito UE, utilizzare in etichetta il nome Tocai. Per questo motivo i produttori della regione Friuli Venezia Giulia, hanno scelto di comune accordo di sostituirlo con Friulano, in modo tale da non violare le disposizioni comunitarie in tema di indicazione geografica tipica. Questo adeguamento alla normativa, è avvenuto a seguito di ricorso dell'Ungheria a tutela dell'indicazione geografica ungherese Tokaji nei confronti di omonimie presenti all'interno della Comunità Europea. La Corte Europea deliberò a favore del ricorso ungherese, stabilendo che "Tokaji" costituiva un'indicazione geografica ungherese, mentre "Tocai" non era un'indicazione geografica italiana, ma una varietà d'uva e come tale, non poteva godere della tutela accordata a tali indicazioni.
Produzione limitata di appena 2000 bottiglie per questo Friulano ottenuto da uve provenienti dai vigneti più antichi e meno produttivi, in parte fatte appassire sulla pianta, con èlevage sui lieviti nobili per 7/8 mesi ed ulteriore affinamento di 4 mesi in bottiglia.
Si presenta giallo paglierino limpido, tendente al verde.
Gli archetti che persistono sul calice, rivelano il tenore alcolico e la consistenza.
Fase olfattiva non immediata, contraddistinta da sentori vegetali, graminacea, piante lacustri, accenni sulfurei ed in sottofondo spiragli fruttati.
Solo dopo prolungata ossigenazione il quadro, attivato nelle sue dinamiche, tende a ripulirsi ed assumere veste autentica su note di frutto tropicale, ananas, erbe di campo, pomacea.
Viceversa fase gustativa immediatamente godibile, contrassegnata da toni surmaturi, nocciolati, recupero di frutto, polpa d'agrume e pompelmo, con sprazzi vegetali sfumati e finale amarognolo.
Quadro complesso e strutturato, dotato di notevole carica acidica e mineralità, tuttavia mai esagerato nei profumi e nei sapori.
Vino di facile abbinamento, a mio parere adatto su zuppe di pesce, pagello alla piastra, ricciola al forno.
Isonzo del Friuli Doc '12 Friulano i Ferretti collezione - alcool 14% - circa € 13
Tenuta Luisa
Via Campo Sportivo 13, Mariano del Friuli, località Corona (GO)
Tel: +39 0481 69680 - +39 345 8825321
Fax: +39 0481 69607
Email: info@tenutaluisa.it
Web: www.tenutaluisa.it (il sito dispone di Shop on line)

post correlato:
http://tenuta-luisa-friuli-isonzo-area.html

domenica 11 dicembre 2016

Marche igt rosso Ergon '15, Borgo Paglianetto

Ci troviamo a Matelica (Mc) nelle Marche, nell'Alta Valle del fiume Esino, che scorre parallela al mare Adriatico, con orientamento nord-sud.
Questo insolito assetto della valle, timbra le produzioni vinicole, soprattutto per ciò che concerne il Verdicchio, che qui assume connotazioni differenti rispetto alla Denominazione Verdicchio dei Castelli di Jesi.
Borgo Paglianetto è un'azienda di primo piano nell'areale matelicese, nata nei primi anni duemila dall'unione di due aziende vinicole operanti da molto tempo nel settore.
Dispone di circa 25 ettari di vigneto coltivato prevalentemente ad autoctono (Verdicchio, Lacrima, Montepulciano, Sangiovese) per una produzione media annua inferiore alle 100.000 bottiglie.
Già certificata biologica, oggi l'azienda intende sottoporsi a princìpi più stringenti e preparatori di conversione al biodinamico, attraverso la nuova linea Rèwine-Natural Viniculture, composta per il momento da due etichette: "Ergon" Verdicchio di Matelica Doc ed "Ergon" Marche Igt Rosso.
L'obiettivo di tale progetto sarebbe quello di azzerare il ricorso alla chimica di sintesi in vigna, conservare la fertilità della terra attraverso concimazioni naturali e sovescio, evitare l'uso di stabilizzanti in cantina, utilizzare lieviti indigeni, accettare qualche imperfezione di colore o di limpidezza pur di evitare l'utilizzo in chiarifica di coadiuvanti tecnologici organici o inorganici.
Abbiamo testato Marche Igt Rosso '15 Ergon - Rèwine Natural Viniculture
Tappo Stelvin per questo blend 50% Sangiovese, 35% Merlot, 15% Lacrima di Morro d'Alba, affinato in acciaio e bottiglia.
Si presenta alla vista di color rosso rubino con sfumature porpora.
Il bouquet di profumi è caratterizzato da sentori vinosi, piccoli frutti rossi, floreale di viola e garofano, con sullo sfondo, a contrappuntare, sentori più chiusi quasi terrosi di sottobosco, con spunti ematici.
In bocca denota una certa vivacità sui temi già rilevati all'olfazione.
Anche in questa fase infatti, il fiore e la ciliegia connotano un quadro che non appare profondo, tuttavia piacevole e immediato.
Chiusura acerba, su sensazioni quasi citrine e lieve astringenza.
Temperatura di servizio 16°C.
In abbinamento su: salumi marchigiani, ciauscolo, zuppa di lenticchie con castagne, faraona con pinoli e uva sultanina.
Marche Igt rosso '15 Ergon - Rèwine Natural Viniculture
alcool 13% - circa € 11
BORGO PAGLIANETTO
Località Pagliano, 393 - 62024 Matelica (Mc) Italy
coordinate gps
Strada Pagliano, 62024 Pagliano MC, Italia
Latitudine: 43.26184 | Longitudine: 12.962707
Altitudine: 480 metri
info e contatti
www.borgopaglianetto.it
info@borgopaglianetto.it
+39 0737 85465
(il sito dispone di shop on line)

post correlato:
http://verdicchio-matelica-doc-15-ergon-borgopaglianetto.html

giovedì 8 dicembre 2016

L'Europa per i Vini Naturali a Roma.

CITTA’ DELL’ALTRA ECONOMIA - ROMA
sabato 10 dicembre dalle ore 10 alle ore 13 convegno sul tema:
“ L’Europa per i vini naturali - Europarlamentari e attori del settore a confronto”
intervengono:
Curzio Maltese - Europarlamentare GUE
Emilio Falcione - Vignaiolo naturale
Massimiliano Montes - medico, ricercatore, direttore sito www.gustodivino.it
Due giornate di promozione e confronto sulla realtà dei vini naturali ed il quadro legislativo europeo di riferimento.
Nei due giorni oltre al convegno, saranno in programma incontri con i produttori, proiezioni di film, aperitivi con musica dal vivo e degustazioni.
Verranno proiettati due film, sabato 10 dicembre a partire dalle ore 15: “Mondovino” un film di Jonathan Nossiter ( ITA, 2004) e “Resistenza Naturale” un film di Jonathan Nossiter (ITA, 2014).

Degustazione di vini naturali, dalle ore 10 alle ore 20 di sabato 10 e domenica 11 dicembre.
Il vino naturale proviene da uve coltivate in vigna con metodi tradizionali (trattamenti ridotti al minimo e impiegati solo al bisogno, non preventivamente, con rame, zolfo possibilmente di miniera e poltiglia bordolese), agricoltura biologica, agricoltura biodinamica o altri metodi naturali che escludono l’impiego della chimica di sintesi.
Il vino naturale si fa in vigna partendo da vigneti posti in posizioni vocate, non forzando la produzione, stimolando l’equilibrio e la forza delle piante, lavorando per la fertilità del suolo.
Alla fine le uve portate in cantina sono sane e ricche, solo partendo da queste uve si può fare un vino naturale.

Elenco dei vignaioli partecipanti, con le regioni di provenienza:
ABRUZZO - Stefania Pepe
CALABRIA - Tenuta del Conte
CAMPANIA - Salvatore Magnoni - Casebianche - Saldutti Enza - Il Don Chisciotte
EMILIA ROMAGNA - Maria Bortolotti - Gualdora - Solenghi - Claudio Plessi
FRIULI - Paraschos
LAZIO - IL Vinco - Ribela
MARCHE - Tenuta Ca Sciampagne
PIEMONTE - Saccoletto
PUGLIA - Paolo Patruno - Dei Agre
SICILIA - Aldo Viola - Bruno Ferrara Sardo - Enotrio - Fenech - Etnella
TOSCANA - Az. Agr. Il Casale di Giglioli - Busattina - Coop. Agr. La Ginestra
UMBRIA - Mani di Luna
e dall'Abruzzo i formaggi di Gregorio Rotolo.

L’evento è promosso da:
gruppo europarlamentare GUE/NGL, Città dell’Altra Economia, Terre e Libertà Critical Wine
Sabato 10 e domenica 11 dicembre 2016
CITTA’ DELL’ALTRA ECONOMIA / zona TESTACCIO Largo Dino Frisullo, Roma
INFO: 338.8956381
INGRESSO GRATUITO sabato 10
€ 5 domenica 11.

martedì 6 dicembre 2016

Giusto di Gusto 2016, degustazione vini rossi

Slow Food Marche e Slow Food Corridonia hanno organizzato a Monte San Giusto (Mc) la seconda edizione di "Giusto di Gusto", una due giorni (sabato 17 e domenica 18 settembre 2016) dedicata alla gastronomia.
Il tema della giustizia sociale legata al cibo è stato il filo conduttore dell'iniziativa.
Degustazioni, laboratori, incontri, mercati, contadini.
Nella giornata di sabato 17 settembre degustazione vini presso Palazzo Bonafede con la partecipazione di 11 aziende vinicole del territorio, alcune delle quali consolidate su standard di buon livello ed altre di recente costituzione in cerca di un'identità per il momento non bene definita.
Le degustazioni che abbiamo fatto di bianchi e di rossi, hanno alternato buone prove ad altre meno convincenti.
Degustazione vini rossi:
Offida Docg Rosso '13 Vignagiulia - alcool 14% - circa € 23
Dianetti
Ottenuto da uva Montepulciano, con sosta sur lies di circa due mesi, maturazione in tonneau di 5 ettolitri per 18 mesi ed ulteriore anno d'affinamento in bottiglia, si presenta rosso rubino con riflessi porpora.
Ventaglio di profumi penetrante e diretto, contraddistinto da sentori d'amarena in confettura, da spezie, noce moscata, accenni idrocarburici e garrigue.
In bocca si conferma perfettamente ed è polposo, ricco di carica polifenolica, croccante sui toni del frutto nero maturo e della marasca sotto spirito.
Fine e corposo.
Ottiene i Tre Bicchieri dalla Guida Vini d'Italia 2017 del Gambero Rosso.
Marche Igt Rosso '13 Arshura - alcool 14,5% - circa € 22
Marche Igt '13 Rossobordò - alcool 15% - circa € 60
Valter Mattoni
Arshura è ottenuto da uva Montepulciano, maturato 15 mesi in barrique e si presenta di color rosso rubino con riflessi porpora.
Fase olfattiva contraddistinta da sensazioni di frutto e ciliegia sotto spirito, con qualche accenno di riduzione.
In bocca recupera l'impronta autentica, indirizzandosi su toni di forte impatto, rusticaneggianti e tipici, con frutto nero in evidenza, cacao amaro e lampone, lieve astringenza in chiusura.
Si giova di breve ossigenazione.

Rossobordò è ottenuto da clone di Grenache, nel gergo locale denominato Bordò, maturato 24 mesi in barrique e si presenta di color rosso granato con lieve trasparenza sul bordo e abbondante residuo sul fondo.
Naso austero, connotato da sentori empireumatici, frutta cotta e ossidazione.
In bocca è nerboruto e di lunga persistenza, tuttavia confermando l'andamento al limite della maderizzazione già evidenziato all'olfazione.
Marche Igt Rosso '14 Nuttolo - alcool 13% - circa € 9
Cantina Bastianelli
14 mesi di barrique per questo blend di Montepulciano, Lacrima di Morro d'Alba, Grenache (nel gergo locale Bordò) in percentuali paritarie, proposto dalla piccola azienda vinicola di Monte San Pietrangeli (Fm) nata nel 2011.
Poco concentrato alla vista, appare rosso rubino con trasparenza.
Naso mediamente intenso, contaddistinto da sentori vinosi e floreali, intercalati da ciliegia, sensazioni vegetali e terrigne.
Fase gustativa imperniata su toni polposi di piccoli frutti, con accenni sapidi e amaricanti in chiusura.
Vino di medio corpo, etichettabile come vino quotidiano.
In abbinamento su spezzatino di vitello con piselli.
Marche Igt Rosso '12 Boccascena - alcool 14% - circa € 15
Pantaleone
Montepulciano passato in barrique per 18 mesi, di color rosso rubino tendente al granato e dai toni di frutto nero maturo, marasca sotto spirito, sfumature vanigliate di legno piccolo, parimenti espressi sia al naso che al palato.
Impronta tipica, persistenza e spessore tannico, per questo vino rosso proveniente da un'areale particolarmente vocato.
In abbinamento su selvaggina, costine d'agnello al forno.
post correlati:
degustazione vini bianchi
http://giusto-di-gusto-2016-degustazione-vini-bianchi.html
Palazzo Bonafede
http://giusto-di-gusto-monte-san-giusto-programma.html

giovedì 1 dicembre 2016

Il grande viaggio nel vino italiano, Slow Food editore.

Il Verdicchio dei Castelli di Jesi di Staffolo ne “Il grande viaggio nel vino italiano”.
Esce il libro di Slow Food con 26 storie di eccellenza che raccontano il futuro dell’enologia del paese.
A rappresentare le Marche è la cantina La Staffa del giovanissimo Riccardo Baldi
comunicato stampa Italia nel Bicchiere
Ventisei tappe in altrettante aziende vitivinicole italiane d’eccellenza per raccontare il presente e il futuro dell’enologia del nostro paese.
E’ il percorso raccontato nel volume “Il grande viaggio nel vino italiano" (Slow Food Editore), che esce in questi giorni in libreria e racconta anche un angolo vocato delle Marche.
A rappresentare la regione del Verdicchio e del Pecorino, della Lacrima di Morro d’Alba, del Montepulciano e degli altri vitigni autoctoni dal grande potenziale distribuiti dal Metauro al Piceno è stata scelta l’azienda agricola La Staffa di Staffolo (Ancona) guidata da ventiseienne Riccardo Baldi.
Nel libro viene riscostruita la storia di Baldi, soprannominato “l’enfant prodige di Staffolo”, dal primo passo fatto nella vigna di famiglia avvenuto soli cinque anni fa, fino ai riconoscimenti nazionali e internazionali ottenuti con i due Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc Classico Superiore “La Staffa” e “Rincrocca”, capaci di scalare le classifiche delle principali guide e riviste del settore in Italia, Stati Uniti e Inghilterra.
E’ stata davvero una bella sorpresa scoprire di essere stato scelto come azienda simbolo della crescita e delle prospettive dell’enologia marchigiana – commenta felice Riccardo Baldi – ed è un’importante iniezione di fiducia per proseguire lungo la strada intrapresa. Il mio Verdicchio si può riassumere con tre aggettivi: artigianale, biologico e classico. Il rispetto della tradizione e della natura, uniti a minimi interventi in vigna e in cantina, sono il modo in cui cerco di fare esprimere in pienezza il territorio di Staffolo in ogni bottiglia”.
Nel capitolo del libro in cui si parla delle Marche non mancano anche i riferimenti ad alcuni personaggi noti dell’enogastronomia locale, dal vignaiolo Lucio Canestrari della Fattoria Coroncino (sempre a Staffolo) al ristoratore Andrea Tantucci della Trattoria Gallo Rosso di Filottrano (An).
Il grande viaggio nel vino italiano
Pagine: 368
Prezzo al pubblico: € 29,90
Prezzo online: € 25,42
Prezzo soci Slow Food: € 23,92
Shop on line:
http://www.slowfoodeditore.it/it/slowbook/il-grande-viaggio-nel-vino-italiano-673.html

lunedì 28 novembre 2016

Giusto di Gusto 2016, degustazione vini bianchi

Slow Food Marche e Slow Food Corridonia hanno organizzato a Monte San Giusto (Mc) la seconda edizione di "Giusto di Gusto", una due giorni (sabato 17 e domenica 18 settembre 2016) dedicata alla gastronomia.
Il tema della giustizia sociale legata al cibo è stato il filo conduttore dell'iniziativa.
Degustazioni, laboratori, incontri, mercati, contadini.
Nella giornata di sabato 17 settembre degustazione vini presso Palazzo Bonafede con la partecipazione di 11 aziende vinicole del territorio, alcune delle quali consolidate su standard di buon livello ed altre di recente costituzione, in cerca di un'identità per il momento non ancora ben definita.
Le degustazioni che abbiamo fatto di bianchi e di rossi, hanno alternato buone prove ad altre meno convincenti.
Degustazione vini bianchi:
Marche Igt Bianco '14 Ottava Musa - alcool 13% - circa € 8
Marche Igt Bianco '13 Chirone - alcool 13% - circa € 8
Cantina Santori
Ottava Musa è ottenuto da uva Pecorino, vinificato in acciaio e si presenta giallo paglierino scarico.
Naso giocato su pomacea, mineralità, sbuffi iodati.
Al palato troviamo la stessa impronta fruttata e sapida, con sottofondo amarognolo.
Annata difficile dal punto di vista meteo.
Vino destinato al consumo quotidiano.

Chirone è ottenuto da uve Pecorino, Sauvignon Blanc e Maceratino in percentuali pressochè paritarie, vinificato in acciaio, anch'esso di color giallo paglierino scarico.
Note olfattive di una certa finezza, su sentori vegetali di foglia di pomodoro, di frutta fresca e floreali, che trovano piena conferma al palato, dove chiude sapido.
Anche questo vino presentato da Cantina Santori si caratterizza per un'impronta poco impegnativa di vino quotidiano.
In abbinamento su finger food, insalata di mare.
Offida Docg Pecorino '15 Vignagiulia - alcool 13% - circa € 11
Dianetti
Ottenuto da uva Pecorino si presenta giallo paglierino limpido e profumato di anice, pera, banana, mineraltà.
In bocca si apre sui toni dolci del frutto a polpa bianca, nespola, accenni esotici ed ananas.
Oggi godibile e fresco, è destinato ad evolvere positivamente nel tempo.
Annata certamente favorevole dal punto di vista meteo.
Dianetti si conferma viticoltore in ascesa, in grado di offrire prove convincenti sia per quanto riguarda i rossi (Offida Docg Rosso '13 Vignagiulia premiato con i Tre Bicchieri dalla Guida Vini d'Italia 2017 del Gambero Rosso) sia per i bianchi.
Marche Igt Bianco '14 Crocifisso - alcool 14% - circa € 14
Vittorini di Speranza Nico
Il vino prende il nome della contrada e mi pare di poter dire che sia l'ennesima prova, tutt'altro che velleitaria, di questo viticoltore artigiano che nulla lascia al caso e dal quale ci aspettiamo continue sorprese.
Ottenuto da Sangiovese vinificato in bianco e Pecorino fatto appassire in fruttaia, si presenta alla vista di colore giallo paglierino limpido, con qualche riflesso dorato.
Naso mediamente intenso, giocato su toni vegetali, erbe aromatiche, fiori in appassimento, i rimandi di fragolina e di lampone del Sangiovese.
In bocca è pieno, sapido, ricco di sostanza con note surmature, variamente articolato nell'originale blend, tendenzialmente morbido su sentori di lieviti e con chiusura amaricante.
A mio parere trova il miglior assetto dopo adeguata ossigenazione.
Orata al cartoccio.
Marche Igt Bianco '11 Stella Flora - alcool 12,5% - circa € 25
Maria Pia Castelli
50% Pecorino, 30% Passerina, 10% Trebbiano, 10% Malvasia di Candia compongono il blend.
25 giorni di macerazione in tini grandi di rovere aperti, maturazione di 1 anno in barrique e 1 anno e mezzo in bottiglia sono i dati salienti di vinificazione.
Il vino è materico, di color verde oro carico, assimilabile di fatto ad un orange wine.
Ventaglio di profumi complesso, incastonato su sentori di frutta secca, datteri canditi, sensazioni d'erbe aromatiche e arbusti che ricordano la macchia mediterranea, fiore appassito.
In bocca procede su questa falsariga, evidenziando toni morbidi di frutto stramacerato e ricchezza ossidativa, contrappuntati da carica acidica nel finale.
Vino di grande spessore, in abbinamento su scaloppe di fegato grasso d'oca.
post correlati:
degustazione vini rossi
http://giusto-di-gusto-2016-degustazione-vini-rossi.html
Palazzo Bonafede
http://giusto-di-gusto-monte-san-giusto-programma.html

venerdì 25 novembre 2016

Champagne Dom Perignon, asta online by Auctionata

Auctionata e Dom Pérignon annunciano la prima asta online esclusivamente dedicata alla Maison de Champagne per i bauli in Edizione Limitata “Malle Plénitude”.
Cinque bauli realizzati su misura e contenenti ventitré bottiglie delle migliori annate di Dom Pérignon saranno offerti agli acquirenti in tutto il mondo nell’asta in diretta streaming del giorno 10 dicembre 2016, alle ore 14.00.
Milano, 24 novembre 2016 - Auctionata | Paddle8, la casa d’aste online leader nella vendita di pezzi da collezione d'arte e di lusso, e Dom Pérignon, la più prestigiosa Maison de Champagne, presentano la loro prima asta congiunta: “La Malle Plénitude by Dom Pérignon”.
Durante l’esclusiva asta online del 10 dicembre prossimo, alle ore 14.00 italiane, sul sito www.auctionata.com saranno battuti i cinque inediti bauli “Malle Plénitude”, contenenti ciascuno una collezione di ventitré preziose bottiglie di Dom Pérignon: Vintage, P2 e P3.
I bauli saranno offerti al pubblico attraverso un'asta in diretta streaming alla presenza di Richard Geoffroy, Chef de Cave di Dom Pérignon, e Alexander Gilkes, Chief Innovation Officer di Auctionata | Paddle8 e banditore dell’asta.
Gli appassionati di Champagne da tutto il mondo potranno inserire le proprie offerte su https://auctionata.com/en/n/domperignon dal 19 novembre al 10 dicembre, oppure presentarle durante l’asta in diretta streaming (il 10 dicembre alle 14.00).
Con una base d’asta di 36.000,00 Euro, ogni “Malle Plénitude” rappresenta un dono unico per gli intenditori più raffinati.
Gli offerenti e gli spettatori potranno seguire l'asta su www.auctionata.com via desktop, tablet, l’app iPhone Auctionata Live e Facebook Live.

“Malle Plénitude” racchiude 37 anni di storia di Dom Pérignon: ventitré bottiglie delle annate tra il 1969 e il 2006, selezionate personalmente e con estrema cura da Richard Geoffroy.
La scelta dei Millesimati ha lo scopo di rivelare la singolarità di Dom Pérignon e il suo percorso evolutivo unico, che accompagna ogni Millesimato attraverso tre fasi successive, denominate "Plénitude".
L'assortimento si divide quindi in tre parti:
P1 - dieci bottiglie di Dom Pérignon Vintage, tutte le annate rilasciate a partire dal 2000 nella loro Première Plénitude (2006, 2005, 2004 2003, 2002, 2000, 1999, 1998, 1996, 1995)
P2 - dieci bottiglie di Dom Pérignon P2, tutte le annate rilasciate dal 2000 nella loro Deuxième Plénitude (2000 in anteprima, 1999 in anteprima, 1998, 1996, 1995 1993 1992 1990 1988 1985)
P3 - tre bottiglie di Dom Pérignon P3, le tre annate più straordinarie rilasciate dal 2000 nella loro Troisième Plénitude (1983, 1975, 1969)

Richard Geoffroy illustra il carattere eccezionale della selezione: “Questa collezione di bottiglie è un incredibile viaggio nel tempo, Dom Pérignon non ha mai presentato un tale assortimento di Millesimati. Ogni bottiglia è prelevata singolarmente, a mano, dalla nostra cantina, dove ha riposato in condizioni perfette per garantire la massima espressione dell’annata. È la prima - e probabilmente unica - volta che una selezione così completa sarà messa in commercio. Per questo motivo, i bauli “Malle Plénitude” rappresentano un’opportunità unica per iniziare o completare una straordinaria collezione Dom Pérignon”.
Il baule “Malle Plénitude” sarà prodotto in edizione rigorosamente limitata in sei esemplari, cinque dei quali saranno battuti all’asta il 10 dicembre, mentre Dom Pérignon conserverà il prototipo.

I Bauli saranno realizzati su ordinazione da artigiani francesi e ogni acquirente avrà la possibilità di personalizzare il design del suo baule numerato, scegliendo tra una vasta gamma preziosi pellami, rivestimenti interni e incisioni.
Inoltre, chi acquisterà un baule riceverà un invito personale a vivere l'esperienza dell’universo Dom Pérignon attraverso una visita privata all’Abbazia di Hautvillers e alla storica cantina, solitamente chiuse al pubblico.
Con l'asta online del prossimo 10 dicembre viene sancita la prima collaborazione tra Dom Pérignon e Auctionata | Paddle8.
Christof Schminke, Chief Marketing Officer di Auctionata | Paddle8, dichiara: "Dom Pérignon è l’icona dello Champagne, apprezzato per la sua peculiare combinazione di tradizione, modernità, mistero e si integra perfettamente con la nostra identità di marca. Come casa d’aste online preferita dal collezionista del XXI secolo, siamo entusiasti di mettere a disposizione la nostra piattaforma globale per il debutto dei “Malle Plénitude” e di poter offrire questi oggetti esclusivi agli appassionati di Champagne di tutto il mondo".

A proposito di “Malle Plénitude”
Ogni baule “Malle Plénitude” è prodotto su richiesta. Il legno, il tipo di pelle, il colore, l’incisione e ogni dettaglio delle finiture possono essere personalizzati. Contiene un assortimento di dieci bottiglie di Dom Pérignon Vintage, dieci di Dom Pérignon P2 (tra cui le annate 1999 e 2000 in anteprima) e tre di Dom Pérignon P3 - tutte rilasciate negli ultimi sedici anni. Edizione limitata di sei pezzi.
Base d’asta: 36.000,00 Euro.
A proposito di Auctionata | Paddle8
Auctionata | Paddle8 è il leader globale del collezionismo d'arte e di lusso online. Attraverso i format innovativi di aste in diretta streaming, aste di beneficenza, vendite private e una raffinata boutique online, le piattaforme integrate recentemente offrono un sistema di acquisto online fluido, per vendere e acquistare opere d'arte, design, auto d'epoca, orologi, gioielli e vini. Con circa 800.000 utenti registrati, Auctionata | Paddle8 è una delle dieci più grandi case d'asta del mondo al di fuori della Cina. L'azienda ha uffici a Berlino, New York, Londra, Los Angeles, Roma, Zurigo e Madrid ed è rappresentata nei più importanti mercati internazionali.
A proposito di Dom Pérignon
L’attenzione, la passione e l’impegno di Dom Pérignon per i vini d’annata è totale. Ogni bottiglia è un autentico atto di creazione, ottenuto solo con le migliori uve. L’intensità dello Champagne deriva da una precisione invitante e insieme misteriosa. Ogni Millesimato attraversa tre “Plénitude”, rinnovando l’atto di fede nel Potere della Creazione grazie all’opera dello Chef de Cave Richard Geoffroy. Con un’audace tensione alla giocosità, Dom Pérignon ispira ancora oggi i più grandi creatori del mondo.

Contatti stampa
Auctionata | Paddle8
Luisa Elster
Telefono: +49 30 610 8061 29
E-mail: Luisa.Elster@auctionata.com - info@auctionata.com
Dom Pérignon Italia
Adele Bandera
Telefono: +39 349 7668012
E-mail: adele@adelebandera.com

mercoledì 23 novembre 2016

Di Uva in Vino a Fermo, degustazione vini rossi

Partecipiamo alla 2^ edizione di "Di Uva in Vino" svoltasi in Piazza del Popolo a Fermo nella regione Marche.
Nella giornata di domenica 23 ottobre 2016, degustazione guidata vini rossi del territorio Fermano, curata da Ais Marche Delegazione di Fermo.
Abbiamo testato tre ottimi vini ottenuti da uve autoctone, che oserei definire emblematici della produzione rossista del territorio, dotati di quadro organolettico non particolarmente complesso, indubbiamente piacevoli, immediati al gusto, di facile abbinamento.
Marche Igt Sangiovese '15 Clos - alcool 13% - circa € 8
Le Corti dei Farfensi
www.lecortideifarfensi.it
Ottenuto da uva Sangiovese, vinificato in acciaio, si presenta alla vista di colore rosso rubino tendente al porpora.
Naso mediamente intenso su frutto fresco, sfumature vinose, floreale di viola e frutti rossi.
In bocca è avvolgente al primo impatto, su toni di frutto e fragola, poi sviluppa carica acidica che invita al nuovo sorso e lieve astringenza in chiusura.
In abbinamento su Maccheroncini di Campofilone al ragù di carne.

Rosso Piceno Doc '14 Cugnolo - 13,5% - circa € 8
Madonnabruna
www.madonnabruna.it
Ottenuto da Montepulciano e Sangiovese, vinificato in acciaio con successivo breve affinamento in legni di secondo passaggio, si presenta di colore rosso rubino non particolarmente carico.
Anche qui note olfattive mediamente penetranti, indirizzate su frutto rosso e ciliegia, intercalate da sentori speziati di pepe nero ed erbacei.
Morbido al palato, conferma tale andamento, evidenziando in particolar modo le note fresche di frutto e la sensazione erbacea.
Ci spiazza non poco, poichè inaspettatamente ricaviamo un'ottima impressione, diversamente da quanto accadde in un precedente test effettuato in occasione di Cantine Aperte 2016 nel mese di maggio, dove ci era parso per nulla convincente, acerbo e terroso.
In abbinamento su grigliate o animali di bassa corte in salmì.

Marche rosso Igt '11 Furnace - alcool 14% - circa € 15
La Pila
www.vinilapila.it
Anche questo vino, così come i precedenti, non appare sovrastrutturato nè particolarmente severo, nonostante provenga da vendemmia meno recente e nonostante l'uso del legno in affinamento.
Ottenuto da uve Montepulciano provenienti da vigneti vecchi e poco produttivi, vinificato in cemento e acciaio, con ulteriore lungo affinamento di circa due anni in botti di rovere, si presenta alla vista di colore rosso rubino scuro, impenetrabile.
Fase olfattiva mediamente intensa, contraddistinta da sentori di amarena e speziati di pepe.
Al palato è sapido, il tenore alcolico e il tannino levigato conferiscono una certa avvolgenza, le note del frutto nero maturo e della ciliegia s'intercalano con quelle della spezia dolce e della viola appassita.
A mio parere trova beneficio da breve ossigenazione.
In abbinamento su caggiagione, filetto di manzo in salsa di mirtilli.
stand Ais in Piazza del Popolo
Post correlato:
http://Di-Uva-in-Vino-2016-degustazione-vini-bianchi.html

lunedì 21 novembre 2016

Taste of Excellence 2016, Roma

TASTE OF EXCELLENCE 2016
IV EDIZIONE
L’evento sul cibo perfetto parla il linguaggio della #FoodInnovation
Roma, 25/28 novembre 2016
Set Spazio Eventi Tirso
via Tirso, 14 - Roma
Press Office Elisabetta Castiglioni
“Esiste il cibo perfetto? Come sarà il ristorante del futuro?”: saranno queste le domande al centro della IV edizione di Taste of Excellence, l’evento sull’enogastronomia d’eccellenza che riunirà a Roma, dal 25 al 28 novembre produttori, chef, scuole di cucina, operatori e istituzioni.
Tema di quest’anno è l’innovazione, intesa non solo come tecnologia applicata al settore da tutti i punti di vista, ma anche sperimentazione di quelli che sono i prodotti dell’eccellenza italiana, grazie alle competenze dei più importanti chef del panorama romano e non solo.
Il nostro obiettivo è quello di essere utili agli operatori del Settore attraverso la spettacolarizzazione del cibo tenendo quale riferimento assoluto la qualità dei contenuti” precisa Pietro Ciccotti, editore di Excellence Magazine, nonché ideatore dell’evento.
Taste of Excellence seguirà la via dell’innovazione per diventare l’appuntamento romano di riferimento per i protagonisti del comparto enogastronomico italiano, chiamati a confrontarsi sulle ultimissime tendenze della ristorazione e a presentare le novità di prodotto a un pubblico di operatori e appassionati gourmet.
Degustazioni, cooking show e talk show si intrecceranno ad occasioni di business, di formazione e a momenti di spettacolo, grazie a un network di 40 produttori d’eccellenza, 80 chef partecipanti, 16 tra talk show e convegni, la partecipazione di 3 scuole di cucina professionali e dell’Associazione di Cuochi Professionali (APCI).

Taste of Excellence prenderà il via venerdì 25 novembre alle ore 19:00 con una serata inaugurale riservata alla stampa, nel corso della quale verranno consegnati importanti premi a personaggi e aziende di spicco, selezionati da Excellence e da giurie qualificate.
Numerose le categorie in gara tra cui: Chef Under 30, Carriera 2016, Libro 2016, Chef Innovazione Italia, Start Up Italia, Azienda del Lazio, Nuova Apertura Roma, Chef Tradizione Lazio, Chef Italia, Start Up Sud, Ristorante del Futuro Italia, Chef Tradizione Italia.

L’evento è articolato in diverse aree tematiche multisettoriali: Tasting Area, riservata alle degustazioni dei prodotti di aziende selezionate (con accesso aperto a operatori e pubblico); Ristorante del Futuro, area dedicata ai cooking show dove saranno realizzate ricette a 4 mani innovative e inedite create appositamente per la manifestazione, abbinate ai vini delle aziende espositrici.
Negli spazi dell’Excellence Academy si terranno, invece, cooking show, workshop e momenti di alta formazione.
Due i temi degli show cooking:
#NextCookingLazio, cooking show e workshop finalizzati alla valorizzazione dei prodotti del territorio, realizzati da chef del Lazio.
#PerfectFood, cooking show e workshop con i prodotti degli espositori che verranno nobilitati grazie all’arte di chef provenienti da tutta Italia.

Inoltre, ampio spazio sarà dedicato ai corsi di Cucina, a cura di Scuole e associazioni professionali, nonché al Foodblogger Contest che premierà i migliori blogger del settore.

Infine, l'Excellence Lab sarà “teatro” di convegni, talk show, presentazioni e spettacoli con un palinsesto che include:
Dialoghi della Cucina, talk quotidiani tra chef, moderati da importanti giornalisti del settore food&beverage;
Ricetta di Donna, talk al femminile in cui le protagoniste di spicco dell’enogastronomia italiana si raccontano;
Alla Ricerca del Cibo Perfetto, conferenze quotidiane a cura di DigitalMagics in cui esperti, manager e imprenditori discutono di tecnologie innovative e del futuro del cibo;
Roma nel Piatto 2017, presentazione della Guida ai Ristoranti del Lazio a cura di Pecora Nera Editore.

All’interno di Taste of Excellence vi sarà anche un appuntamento di beneficenza previsto sabato 27 novembre con la cena “Angel Chef Dinner” (su prenotazione) il cui ricavato sarà interamente devoluto alle borse di studio a favore delle allieve dell’Istituto Enogastronomico SafiElis di Roma.

Main Partner: Banca Popolare di Milano
Charity partner: Operation Smile

Info e programma: www.tasteofexcellence.it
Orario:
SABATO 26 NOV 11.30 – 23.00
DOMENICA 27 NOV 11.30 – 21.00
LUNEDI 28 NOV 11.30 – 19.00
Ticket:
Per gli operatori ingresso gratuito previo accredito.
Per il pubblico il costo è di € 20
Excellence:
Tel: +39 06 43254399
www.excellencemagazine.it
info@excellencemagazine.it

sabato 19 novembre 2016

Mercato Vini Vignaioli Indipendenti, Piacenza Expo

Sabato 26 e domenica 27 novembre 2016 a Piacenza
6^ Edizione del Mercato FIVI con oltre 400 vignaioli.
Assaggi, incontri e quattro degustazioni.
comunicato stampa Mercato dei vini FIVI
Torna negli spazi di Piacenza Expo, sabato 26 e domenica 27 novembre 2016 la sesta edizione del Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti.
La FIVI (Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti) è l’associazione che raccoglie e rappresenta i vignaioli che seguono l’intera filiera produttiva del vino: coltivano le vigne, imbottigliano il vino, seguendo e curando personalmente il proprio prodotto.
Saranno oltre 400 quest’anno i vignaioli, provenienti da ogni regione d’Italia, che durante i due giorni incontreranno il pubblico per far conoscere non solo i propri vini, espressione della terra che coltivano con passione, ma anche le proprie storie.
Due giorni di festa dove si potranno assaggiare e acquistare i vini direttamente agli stand dei produttori, veri custodi del vino come espressione diretta del territorio e della sua cultura.
Come l’anno scorso le quattro degustazioni proposte saranno condotte direttamente dai vignaioli.
Un’occasione in più per conoscere il loro mondo attraverso gli occhi dei colleghi.

Due le verticali previste, una di Barbacarlo di Lino Maga e una di Collio di Edi Keber e due degustazioni che sembrano un viaggio attraverso l’Italia, dal Trentino di Pojer e Sandri alla Calabria di ‘A Vita.

Oltre al vino si potranno degustare le specialità gastronomiche degli Artigiani del cibo, ancor più numerosi rispetto all’anno scorso, che porteranno salumi e formaggi, pani, dolciumi e specialità gastronomiche da diversi angoli d’Italia.
Nel corso del mercato sarà assegnato il premio Romano Levi per il Vignaiolo dell’Anno e consegnate le targhe FIVI ai nuovi punti di affezione, enoteche e ristoranti in tutta Italia che propongono in modo particolare i vini dei vignaioli e che possono esporre lo stemma dell’associazione nel loro locale.
Saranno infine premiate le foto vincitrici del contest #chinonbeveincompagnia lanciato sui social media da FIVI. Le 5 migliori si aggiudicheranno un weekend enogastronomico e bottiglie di vino.

Orari d'apertura Mercato dei vini:
sabato dalle 11.30 alle 19.30 e domenica dalle 11.00 alle 19.00.
Ingresso: € 15 (ridotto € 10 per i soci Ais – Fis – Fisar – Onav – Slow Food e per i possessori del biglietto della manifestazione MareDivino 2016).
Biglietto per due giorni: € 25
Sede: Piacenza Expo SpA - Frazione Le Mose, Via Tirotti 11, 29122 Piacenza
Info, programma, espositori, ticket on linehttp://www.mercatodeivini.it/

mercoledì 16 novembre 2016

Mare Di Vino 2016, Livorno

Parte il conto alla rovescia per la Settima Edizione di MareDiVino,
la grande vetrina dei vini della Provincia di Livorno e della Costa degli Etruschi
Sabato e Domenica 19-20 novembre 2016
Terminal Crociere Porto Livorno 2000
Piazzale dei Marmi, Livorno
comunicato stampa MareDiVino
Assaggi, incontri, cultura del vino con la presenza di oltre 70 produttori del territorio, relazioni commerciali e tanto altro, con le grandi e piccole aziende della Costa e delle Isole.
Oltre ai vini e ai vignaioli, come sempre a MareDiVino si abbinerà C’è Olio e Olio con tanti produttori di olio di qualità; presenti numerosi birrifici artigianali e più di 60 artigiani di gastronomia.
Si terrà poi il concorso enologico a "giuria popolare" Rosso Buono per Tutti, per individuare e premiare il vino rosso più piacevole, accessibile e quotidiano.
Cooking-show, degustazioni e laboratori per bambini a condire il tutto.
Anche quest'anno MareDiVino sarà l'apertura della Settimana di Gusto della Provincia di Livorno, dedicata al vino, al pane ed all'olio con molti eventi che si concluderanno sabato 26 novembre.
La manifestazione è organizzata dalla Delegazione di Livorno della FISAR (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori), Slow Food Livorno, con il Patrocinio e contributo del Comune di Livorno e della Camera di Commercio, con il patrocinio della Regione Toscana e Provincia di Livorno, la collaborazione di Vetrina Toscana.
INGRESSO:
A Mare Di Vino l’accesso è libero e gratuito per tutti e due i giorni della Manifestazione.
DEGUSTAZIONE VINI:
La degustazione dei vini avviene tramite acquisto calice di degustazione € 13,00.
Con l’acquisto del calice di degustazione si avrà diritto alla partecipazione ad 1 cooking show in omaggio. Fino ad esaurimento posti.
Ridotto € 10,00 soci Fisar e Slow Food.
Gratuito per operatori con invito o accredito dal sito.
ORARI:
Sabato 19 novembre 2016 dalle ore 14:00 alle ore 19:30
Domenica 20 novembre 2016 dalle ore 11:00 alle ore 19:30
INFO, PROGRAMMA, KIT STAMPA, ESPOSITORI:
web: www.maredivino.it
email: info@maredivino.it
tel: 3711817602

lunedì 14 novembre 2016

Life of Wine 2016, Roma

Viaggio nelle età del vino
Domenica 20 novembre
Hotel Radisson Blu, Roma
Ore 11.30 - 19.30
A ROMA LA QUINTA EDIZIONE DI UN EVENTO UNICO NEL MONDO DEL VINO INTERAMENTE DEDICATO ALLE VECCHIE ANNATE
In assaggio annate introvabili delle etichette più rappresentative di oltre sessanta grandi cantine da tutta Italia.
Fra le novità Degustazioni Guidate.
comunicato stampa Studio Umami
Dopo l'ultima scoppiettante edizione è ormai tutto pronto per LIFE OF WINE www.lifeofwine.it evento unico nel mondo del vino interamente dedicato alle vecchie annate, in programma DOMENICA 20 NOVEMBRE a Roma.
Alla sua quinta edizione, LIFE OF WINE - ideato e curato da Studio Umami www.studioumami.com agenzia con sede a Firenze specializzata da anni in comunicazione ed organizzazione di eventi enogastronomici - vedrà riunirsi DALLE ore 11.30 ALLE ore 19.30 nelle accoglienti sale dell'HOTEL RADISSON BLU (via Filippo Turati 171, di fronte alla Stazione Roma Terminiwww.radissonblu.com) OLTRE SESSANTA GRANDI CANTINE da tutta Italia.
In postazioni individuali, presiedute dagli stessi produttori o dai loro più stretti rappresentanti, ogni azienda porterà in assaggio l'ultima annata in commercio e almeno due vecchie annate della sua etichetta più rappresentativa.
Un'occasione straordinaria per tutti gli appassionati che, attraverso l'assaggio di bottiglie spesso introvabili sul mercato, potranno esplorare l’evoluzione del vino nel tempo grazie agli oltre 200 vini presenti declinati in diverse annate; il tutto arricchito dalla possibilità di conoscere e confrontarsi con i vignerons, scoprendo nei loro racconti, le storie ed i territori sempre unici che ne accompagnano lavoro e passione.
LIFE OF WINE si avvarrà da quest'anno della collaborazione di due noti wine writers, FRANCESCO FALCONE e GIAMPAOLO GRAVINA, impegnati a rafforzare la selezione delle aziende per renderla ancor più rappresentativa delle tante anime del vino italiano.
Fra le grandi novità dell'edizione 2016 due DEGUSTAZIONI GUIDATE a cura dei giornalisti ANTONIO BOCO e GIAMPAOLO GRAVINA, a numero limitato e accessibili su prenotazione, e l'AREA FOOD.
In calendario anche la presentazione-degustazione del LIBRO "VINI DA SCOPRIRE" (Giunti Editore).
Lista delle aziende presenti: http://www.lifeofwine.it/vini-e-aziende-2016/
PROGRAMMA
Dalle ore 11.30 alle ore 19.30
APERTURA BANCHI DI ASSAGGIO

Ore 11.30 – Sala degustazioni. Presentazione del libro "Vini da scoprire" (Giunti Editore). Una raccolta unica e preziosa di vini sorprendenti, prodotti da vignaioli poco noti o sconosciuti, con oltre 120 etichette raccontate in una forma chiara e godibile che mette il lettore – anche quello più lontano dal mondo monomaniacale degli enofili – al centro. Scritto da tre fra i più apprezzati critici vinicoli italiani – Armando Castagno, Giampaolo Gravina e Fabio Rizzari – il volume sarà presentato per la prima volta a Roma con un incontro-degustazione in cui gli autori daranno voce non solo al libro, ma anche ad alcuni dei vignaioli che hanno reso possibile il progetto e che porteranno in assaggio una loro etichetta.

Ore 15.30 – Sala degustazioni
RETROSPETTIVA IN CHIAROSCURO: L’EVOLUZIONE DEI BIANCHI INTERPRETATA COME RISORSA
(Degustazione guidata a cura del giornalista e scrittore Giampaolo Gravina)
Capezzana – Trebbiano Toscana Igt 2000 / Ca’ Lojera – Lugana Superiore Doc 2002 / Cantina Caldaro – Castel Giovanelli Alto Adige Sauvignon Doc 2004 /
Cesani – Pancole Vernaccia di San Gimignano Docg 2008 / Capannelle – Chardonnay Toscana Igt 2009 / Roccafiore – Fiorfiore Umbria Grechetto Igt 2011 / Feudi di San Gregorio – Pietracalda Fiano di Avellino Docg 2012 / Pantaleone – Onirocep Pecorino Falerio Doc 2013
Costo: 25 euro (20 euro con biglietto ingresso Life of Wine) - Pagamento alla cassa presente all’ingresso della manifestazione - Prenotazione (consigliata): anna@studioumami.com

Ore 17.30 - Sala degustazioni
IL CALORE DI UN MOMENTO: LA SORPRENDENTE VITALITÀ DEL ROSSO MEDITERRANEO ALLA PROVA DEL TEMPO
(Degustazione guidata a cura del giornalista Antonio Boco)
Tasca d’Almerita – Rosso del Conte Contea di Sclafani Doc 1998 / Montevetrano – Montevetrano Colli di Salerno Igt 2003 / Agostina Pieri – Brunello di Montalcino Docg 2004 / Tenute Chiaromonte - Chiaromonte Gioia del Colle Doc Primitivo Riserva 2005 / Barba – I Vasari Montepulciano d’Abruzzo Doc 2008 / Basilisco – Basilisco Aglianico del Vulture Doc 2012 / Contini – Barrile Isola dei Nuraghi Rosso Igt 2012 / Librandi – Gravello Val di Neto Rosso Igt 2004
Costo: 25 euro (20 euro con biglietto ingresso Life of Wine) - Pagamento alla cassa presente all’ingresso della manifestazione - Prenotazione (consigliata): anna@studioumami.com
SEDE
Hotel Radisson Blu, Via Filippo Turati, 171 - Roma
Ingresso: Intero: euro 20 - Ridotto soci AIS/FISAR/ONAV: euro 15
Omaggio stampa e operatori di settore (un ingresso ad esercizio)
con pre-accredito obbligatorio a marco@studioumami.com