lunedì 24 giugno 2019

Seven Springs winery, Sudafrica wines

La seconda edizione di "InVinami a Bere", fiera mercato e degustazione vini, a cura di Wine Salad, svoltasi sabato 8 giugno 2019 nel suggestivo scenario di Villa Riva Fiorita a Porto San Giorgio (Fm), ha visto la partecipazione di una trentina di aziende vinicole provenienti da tutta Italia, oltre 100 etichette da degustare, Masterclass condotte da Ais Marche, area gastronomica con eccellenze regionali.
L'evento ha quindi consentito di spaziare oltre confini marchigiani e nazionali, in piena sintonia con il principio che guida la mia attività di wine blogger, in base al quale degustare vino equivale ad esplorare territori.
Masterclass a cura di Ais Marche: Afriwines.
I Vini del Sud Africa Occidentale- Azienda Vinicola Seven Springs --> http://7springs.co.za/
Siamo nell'Overberg sulla costa meridionale del Sudafrica, all’estremità del continente, a est di Città del Capo.
Quattro vini di bella fattura, dotati di mineralità, meno evidente nel primo a causa del passaggio in legno, a trasmettere le caratteristiche geomorfologiche e la vocazione vitivinicola del territorio.
Tappo Stelvin su tutta la gamma.
Disponibili in e-commerce tra 12 e 15 euro.
InVinami a Bere 2019
Porto San Giorgio
Chardonnay 2016
Annata siccitosa.
Maturato in botti vecchie da 300 litri per 11 mesi.
Giallo con riflessi verdolini.
Quadro grasso, forse appesantito dal passaggio in legno.
Lieviti, crosta di pane, pan brioches, vaniglia, frutto tropicale, gelsomino, erbette aromatiche, reviviscenze acidiche nel finale.
Zuppe di pesce, orata al forno, stoccafisso all'anconitana.
Chardonnay 2015 unoaked (senza legno)
Vinificato in acciaio, con sosta di circa 5 mesi sulle fecce fini.
Giallo paglierino verdolino.
Floreale, frutta bianca, mineralità, idrocarburo, polvere da sparo.
Quadro dinamico, sottile, fragrante di frutto e carica acidica, diversamente dal precedente.
Frittura di paranza, gallinella di mare all'acqua pazza, crudi di mare.
Syrah Rosè 2018
Criomacerazione prefermentativa e sosta sulle fecce fini.
Rosa antico.
Quadro improntato su toni vegetali e fruttati, anguria, foglia di pomodoro, pompelmo; fresco ed immediato.
Torna la nota sapida nel finale.
Antipasti di pesce, sushi, pasta all'ortolana, prosciutto e melone.
Pinot Noir 2014
Annata complicata dal punto di vista meteo, inverno freddo con inondazioni, estate umida e senza vento, formazione di muffe in vigneto.
Si è scelto di raccogliere le uve a più riprese, in modo da ritardare leggermente la vendemmia.
Maturato circa 10 mesi in botti usate, appare rosso granato con trasparenza.
Tratto varietale, piccoli frutti rossi, ribes, fragoline.
Quadro ampio e complesso con ritorni di sottobosco e sapidità a contrappuntare il frutto e ad implementare l'impronta matura.
Il legno stempera, ma non prevarica.
Prestazione oserei dire impeccabile, considerando le difficoltà dell'annata.
Selvaggina da piuma e da pelo.

Nessun commento:

Posta un commento