lunedì 9 agosto 2010

Terroir e sviluppo economico

Che cos'è il Terroir?
Terroir è un termine francese utilizzato in viticoltura per sottolineare il fattore territorialità ed è la sintesi delle due variabili che concorrono alla creazione di un vino: contesto pedoclimatico e fattore umano.
Nasce per spiegare come mai uno stesso vitigno risponda in modo diverso nei contesti ambientali in cui è coltivato e si traduce in valore aggiunto per prodotto e territorio.
Di fronte al processo di omologazione che il vino subisce ovunque, che appiattisce gusti e tendenze e fa perdere di significato al termine, l'autore di Mondovino, Jonathan Nossiter, dà del Terroir questa definizione nel suo libro Le Vie del Vino:
"Il Terroir è un atto di generosità. E' condividere un bene privato per il beneficio pubblico. E' l'esatto contrario dei valori settari e reazionari...Ogni vera espressione del terroir è un modo unico di offrire al resto del mondo la possibilità di condividere la bellezza di un'identità, di una determinata cultura. E' un modo di utilizzare le prerogative di ciò che è locale non per escludere, ma per includere, perchè ognuno di noi possa essere iniziato al mistero e alla bellezza specifica dell'altro. Qualsiasi altro."
A me pare che tale definizione non sia semplicemente un esercizio stilistico o filosofico, ma colga il nocciolo della questione ed abbia risvolti concreti.
Il tema cioè è quello di utilizzare il concetto di diversità.
L'identità territoriale può essere il motore della ripresa economica, perchè moltiplica il mercato, motiva al consumo consapevole ed è anche veicolo di promozione turistica.

Blogger a confronto sulla frase di Nossiter:
http://www.enoicheillusioni.com/2010/08/il-terroir/

5 commenti:

  1. Non dico che sbagli, ma mi pare renda ancor più opaco un concetto che è già difficile da capire e che comunque ha definizioni molto più semplici e meno inquinate da considerazioni pseudo-politiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' possibile che alla base ci siano delle motivazioni pseudo-politiche.
      Al di là di ciò, l'aspetto che a me interessava era l'applicazione pratica come strumento di salvaguardia del valore economico.

      Elimina
  2. Riccardo Margheri8 ottobre 2014 12:52

    Io lo capisco che intende valorizzazione dell'identità, anche nel senso della condivisione e del rispetto e della valorizzazione delle differenze, o almeno mi pare di capirlo, e concordo, ma in sede di comunicazione IMHO ci sono circostanze in cui bisogna arrivare a questo concetto con maggiore gradualità, altrimenti si rischia il rifiuto, vedi ad es. da chi visita una cantina in modo disimpegnato "just to have a good time". Saluti. Riccardo Margheri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero anche questo.
      Teorizzare troppo, finisce per escludere, invece d'includere.
      Da qualsiasi parte la si prenda, la questione può avere punti da criticare e questo è un bene, secondo me.
      A proposito di quest'aspetto relativo al tema dell'opinione, della comunicazione, della condivisione, mi capita testè sotto il naso questa frase che casca a fagiolo...o giù di lì (fatte le debite proporzioni tra l'ambito nostro e quello dalla quale è venuta): "Non le lotte o le discussioni devono impaurire, ma la concordia ignava e l'unanimità dei consensi." -Luigi Einaudi-

      Elimina